giovedì, aprile 17, 2008

Ristorante IL PAGLIACCIO - Roma

Ristorante IL PAGLIACCIO - Via dei Banchi Vecchi - Roma

Le mie foto non sono sicuramente belle e perfette anche perché le ho scattate con il telefonino (che si è rivelato una gran bella macchina fotografica) e senza flash per non disturbare i vicini di tavolo. Ho solo le foto dei miei piatti perché non facevo in tempo a inquadrare che Lorenzo aveva già provveduto ad assaggiare il suo piatto (cappesante e poi tartare di manzo). Mi ritrovo solo il suo dolce.
Per aprire ci hanno versato uno Spumante Brut, Trento doc, (Chardonnay in purezza) az. Balter. Lo chef per apertura della cena ci ha fatto servire:

nodo di coniglio fritto in zuppa di ceci.

A la carta ho scelto:
Calamari ripieni (ananas e pomodoro), terrina di vitella fritta

Petto di pollo e asparagi, gamberi fritti e salsa di mango

Tutti e due accompagnati dal bianco Sole e Vento di Marco de Bartoli (Inzolia e Zibibbo); 13%. L’annata non la ricordo anche perché la bottiglia non è mai stata al tavolo, ma era in fresco e il vino ci veniva servito ogni qualvolta trovavano il bicchiere quasi vuoto. Così come anche l’acqua.
Non ho preso primi piatti, non sono più abituata a pasti completi ne a mangiare tanto soprattutto di sera. Quindi dopo queste due splendide e perfette portate dai gusti perfetti e insoliti per me, che si sono sposati perfettamente con il vino (tendenze dolci, sapide, aromatiche tutto sposato perfettamente) sono passata al dolce, ovvero:

Pera arrosto, gelato di miele e lavanda.

Il pre-dessert era una gelatina di campari con gelato all’olio di oliva.


Il dolce è stato accompagnato come da menù con un Beerenauslese di Kracher 2006, perfetto nell’abbinamento, esaltava alla perfezione sia la pera che il gelato di miele e lavanda.


Lorenzo ha scelto Gelato al cioccolato bianco, biscotto di nocciole e lamponi marinati con al calice un Orvieto Classico Sup.Dolce “Calcaia” az. Barberani.
Una cena estremamente elegante e raffinata, nei sapori netti e piacevoli. Gusti e sapori sposati perfettamente. Bella la presentazione dei piatti, il servizio impeccabile, sei seguito e servito per filo e per segno. Sono attenti alle esigenze del cliente, ai desideri, ai gusti. Elegante in tutto.
Consigliatissimo se volete passare una serata mangiando bene un po’ fuori dal tempo, nel centro di Roma dove si incontrano storia, tradizione e innovazione.

2 commenti:

SenzaPanna ha detto...

bello questo post, vedo che concordi in pieno con le stesse impressioni di Stefano.

Livia ha detto...

Daniela cara un vero piacere per me vederti sul mio blog. Si è vero le mie impressioni come di Lorenzo, sono state positive. Davvero una bella serata...piacevole in tutto. Ormai non sappiamo più mangiare in posti dove la qualità non sia di casa!!!